«… e non avremo il diritto di rifiutarglielo»

L'Abbé Pierre visto da Cabu

L’Abbé Pierre visto da Cabu

Trovo una sorta di conferma al recente editoriale di Africa nel bel libro* del “vescovo del Sahara”, di imminente uscita, che sto leggendo in bozza. Mons. Rault, pastore di Ghardaia in Algeria, la diocesi più vasta del mondo, ricorda ancora le parole che, ancora seminarista, udì dalla bocca dell’Abbé Pierre nel 1961: «Ascoltate bene quello che sto per dirvi. Molti paesi d’Africa sono giunti ora all’indipendenza. Altri stanno per giungervi. Lasciamo dietro di noi paesi che sono lontani dall’ottenere il nostro grado di sviluppo. Abbiamo approfittato delle loro ricchezze, il nostro paese si eè sviluppato grazie a quello che siamo andati a cercare da loro. Abbiamo il dovere di aiutarli ad acquistare un grado di sviluppo degno e giusto. È urgente. Se non lo facciamo, verranno loro a cercare da noi quello che non trovano a casa loro, e noi non avremo il diritto di rifiutarglielo».

* Claude Rault, Il deserto è la mia cattedrale, Emi
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...