L’indelebile linea del colore

Un amico che abita in campagna mi ha confidato un piccolo caso. Un giorno, un ragazzo di una delle famiglie vicine gli rinfaccia di dare ospitalità a dei «profughi negri». Dopo aver chiarito al giovane, evidentemente portavoce più o meno consapevole dell’umore dei familiari, la sgradevolezza della parola «negro», il mio amico gli ha spiegato…

Uguaglianza. O equità?

“Aiutiamoli a casa loro” – e nemmeno serve dire di cosa si parla. Un’esortazione che ha la sua buona dose di ragionevolezza. Peccato che intanto, da ben prima che l’invasione migratoria ossessionasse l’Europa, questa cominciava a smantellare, alla svolta del millennio, un suo fiore all’occhiello: la Convenzione di Lomé, che dal 1975 regolava gli scambi…

Africa a cronometro

Maledetto cronometro

Prima delle indipendenze, l’Africa somigliava a un immenso circuito di rally. A bordo di improbabili auto da corsa, centinaia di piloti europei attraversavano deserti e foreste, raccontando con toni epici la scoperta di un continente pieno di insidie e di sorprese. Un libro fa rivivere quelle avventure «Strada maestra d’Africa, dal Mediterraneo a Città del…

Intolerance

La Danimarca impone un “prelievo” agli esuli. La Tanzania minaccia di respingere gli etiopici in transito per il Sudafrica. La Svezia rimpatrierà 80.000 richiedenti asilo. In Sudafrica, un comizio del re zulu scatena violenze contro i lavoratori dei Paesi vicini. In Italia, dove pur ci si muove per i salvataggi in mare, la depenalizzazione del…

tutu-templeton-africa-mazzola

Desmond Tutu: «Dio è sovversivo»

L’arcivescovo che ha guidato l’eccezionale esperienza della Commissione verità e riconciliazione affida al suo ultimo libro la fede e la spiritualità che lo hanno sostenuto per tutta una vita di battaglie. Una sera, san Giuseppe supplica il locandiere: «Per favore, mi aiuti! Mia moglie sta per partorire». Il locandiere risponde: «Mi scusi… Non è colpa…

Lumumba, un eroe congolese

«Patrice Lumumba non ha avuto il tempo di diventare una leggenda come Che Guevara. È diventato un simbolo». Così il giornalista Ryszard Kapuscinski ricorda il celebre leader congolese, assassinato nel 1961 all’età di 35 anni. Chi può dire cosa sarebbe oggi la Repubblica democratica del Congo, e l’Africa, se Lumumba non fosse stato ucciso così…

Francesco in Africa, uno storico viaggio

La visita pastorale di papa Bergoglio, lo scorso novembre, in Kenya, Uganda e Centrafrica, è stata un susseguirsi di parole audaci e gesti profetici… Che hanno lasciato il segno. Zacharia Adoume. È il nome della prima vittima, un musulmano, della guerra centrafricana all’indomani del decollo del Papa da Bangui. Già finito il clima della vigilia,…

E adesso, Roma non è più a Roma

Terza e ultima tappa della visita di Francesco in Africa (29-30/11/2015). Partiamo da un dettaglio. L’imam della Grande moschea di Bangui che lunedì mattina ha ricevuto papa Francesco per sentirsi dire che «cristiani e musulmani siamo fratelli», e che pochi giorni prima della visita aveva manifestato gioia per il prossimo evento invocando pace e tranquillità…

Monito alla Chiesa d’Uganda

La seconda tappa della visita di Francesco in Africa (27-28 /11/2015). Tappa quasi tutta “ecclesiale”, quella ugandese. Era del resto prevedibile, sia per l’occasione della visita – il cinquantenario della canonizzazione di san Carlo Lwanga e compagni martiri – sia perché quella in Uganda è una Chiesa cattolica abbondantemente sopra la media africana in termini…

Gaudium et slum

Una prima lettura della tappa keniana della visita africana di papa Francesco. La tappa keniana si è caratterizzata per il suo crescendo, dall’accoglienza formale all’aeroporto e alla State House fino all’esplosione di giovinezza allo stadio Kasarani … [continua a leggere] Pubblicata sul sito di Africa il 27 novembre 2015

Francesco l’Africano

Jorge Mario Bergoglio non conosce l’Africa. Non c’è mai stato, come del resto non si era mai recato in Asia e neppure negli Stati Uniti. Poco anche in Europa, e a Roma il minimo possibile. Ma, vuoi per sensibilità personale, vuoi per formazione gesuitica, vuoi perché prima di muoversi si prepara («Adesso devo cominciare a…

Sinodo, l’Africa s’è desta

I vescovi africani al Sinodo sulla famiglia: in tanti e ostentando un compatto profilo conservatore. Eppure molti di loro erano conosciuti per essere pastori battaglieri nella difesa dei diritti umani. Una discrasia? Prima di giudicare, proviamo a osservarli più da vicino. Cominciando con il sottolineare che è stata comunque una première africana sul proscenio della…