Evangelizzare… con il vangelo!

Due anni fa, il 24 giugno 2015, padre Silvano Fausti tornava «a casa». Ecco un suo ricordo, stimolato dall’uscita di due volumi postumi (e appena pubblicato su Nigrizia). «Mi permetto di dire un segreto, tanto ovvio quanto dimenticato: l’evangelizzazione si fa con il vangelo». «Cosa inaudita: padre La Braca evangelizza con il vangelo, il vangelo…

Due o tre cose che so di Solalinde

Ho avuto l’opportunità di passare qualche ora con padre Alejandro Solalinde, il “difensore dei migranti”, candidato al prossimo Nobel per la Pace, che da oltre dieci anni in Messico si dà da fare giorno e notte per offrire loro un momento di sosta nel drammatico viaggio dal Centro America verso il Rio Bravo, e soprattutto…

La porta dell’ovile

La scena finale di Jesus Christ Superstar è un’inquadratura fissa sul sole che tramonta, contro il quale si staglia la croce. Poco si coglie dei dettagli del paesaggio, immersi come siamo in un controluce rossastro. All’occhio attento non sfugge però che nell’inquadratura entra, per attraversarla da sinistra a destra, un pastore seguito dal gregge. Enjambement…

Emmaus, o le strade della vita

Non a torto quella di Emmaus rimane una delle pagine più amate e fascinose dei vangeli. Ha dalla sua una suggestione narrativa potente e, naturalmente, un potenziale teologico inesauribile. Tutti caratteri che appaiono ancor più evidenti in controluce con i tempi attuali, così carichi di incertezze e paure. Crescente divario ricchi-poveri su scala locale e…

tutu-templeton-africa-mazzola

Desmond Tutu: «Dio è sovversivo»

L’arcivescovo che ha guidato l’eccezionale esperienza della Commissione verità e riconciliazione affida al suo ultimo libro la fede e la spiritualità che lo hanno sostenuto per tutta una vita di battaglie. Una sera, san Giuseppe supplica il locandiere: «Per favore, mi aiuti! Mia moglie sta per partorire». Il locandiere risponde: «Mi scusi… Non è colpa…

Francesco in Africa, uno storico viaggio

La visita pastorale di papa Bergoglio, lo scorso novembre, in Kenya, Uganda e Centrafrica, è stata un susseguirsi di parole audaci e gesti profetici… Che hanno lasciato il segno. Zacharia Adoume. È il nome della prima vittima, un musulmano, della guerra centrafricana all’indomani del decollo del Papa da Bangui. Già finito il clima della vigilia,…

Encomio della normalità

Sono passate alcune domeniche, ma non mi sono ancora rimesso da un’omelia che speravo di dimenticare in fretta. Non la ricordo per filo e per segno, ovviamente, ma mi martella ancora dentro la parola chiave (e ripetuta fino all’esasperazione, anche in ogni spazio possibile di “monizione liturgica”). Quella parola è: “normale”. L’aggancio era fornito dal…

E se la santa Famiglia non fosse un modello?

Ma davvero la “santa [ex-sacra] famiglia” è il modello per la famiglia (cristiana)? La predicazione corrente non fa che ribadirlo (l’ho verificato anche domenica scorsa dal pulpito di un parroco, neppure anziano, che non avevo mai visto prima d’allora). Tutte le virtù “familiari” che noi possiamo immaginare vengono attribuite ai tre di Nazaret-Betlemme senza il…

«Dio, Dio, Dio… e poi?». La voce di Jean-Marc Ela

Il 26 dicembre saranno sette anni dalla morte di Jean-Marc Ela, prete, teologo e sociologo camerunese, una delle figure di  spicco dell’Africa moderna “che pensa” (non a caso una delle sue opere è dedicata allo storico Cheikh Anta Diop). Ripropongo un’intervista che gli feci per Nigrizia nel 2002, in cui parla della teologia africana, della…

E adesso, Roma non è più a Roma

Terza e ultima tappa della visita di Francesco in Africa (29-30/11/2015). Partiamo da un dettaglio. L’imam della Grande moschea di Bangui che lunedì mattina ha ricevuto papa Francesco per sentirsi dire che «cristiani e musulmani siamo fratelli», e che pochi giorni prima della visita aveva manifestato gioia per il prossimo evento invocando pace e tranquillità…

Monito alla Chiesa d’Uganda

La seconda tappa della visita di Francesco in Africa (27-28 /11/2015). Tappa quasi tutta “ecclesiale”, quella ugandese. Era del resto prevedibile, sia per l’occasione della visita – il cinquantenario della canonizzazione di san Carlo Lwanga e compagni martiri – sia perché quella in Uganda è una Chiesa cattolica abbondantemente sopra la media africana in termini…